Acufeni

PSICOLOGIA E SORDITÁ

Gli acufeni si possono identificare in quei suoni percepiti in una o in entrambe le orecchie, oppure in modo diffuso nella testa. Sono suoni di tonalità variabile, di solito fischi, fruscii o ronzii. Sono differenti dalle allucinazioni uditive non essendo strutturati in forma di melodie o canzoni. A volte sono associati ad altri disturbi della capacità uditiva, ma l’udito può anche essere nella norma. Le cause sono numerose e i meccanismi fisiopatologici sono ancora da identificare.

Quando l’intensità dell’acufene è tale da interferire con la regolarità del sonno e da incidere sull’equilibrio psichico e la serenità dell’individuo, si propone al soggetto un intervento di aiuto integrato. Il trattamento previsto sostiene la persona nel processo di adattamento alla condizione invalidante del suono persistente e  riduce il rischio dell’insorgere di disturbi ansiosi e depressivi.

Il primo passo è l’installazione di un apparecchio generatore di rumore bianco. Il dispositivo consente di deviare l’attenzione della persona dall’acufene all’esterno senza che ne abbia coscienza, riducendo la concentrazione sul suono. Parallelamente all’installazione dell’impianto sono suggerite terapie e percorsi di supporto psicologico che consentono di ridurre il danno emotivo e psichico che una condizione di disagio legata ad acufeni persistenti determina nella vita del soggetto.

L’azienda Fonia offre la possibilità di una consulenza professionale mirata alla valutazione e al trattamento del danno psicologico determinato dall’acufene. È possibile effettuare colloqui di sostegno in cui imparare a conoscere ed affrontare le reazioni emozionali connesse all’esperienza perturbativa dell’acufene in modo da favorire una buona qualità della vita nonostante la presenza di questo disturbo uditivo.

A prescindere dall’età in cui viene diagnosticata e dalla sua gravità, il sostegno ortofonico e quello psicologico alla sordità sono fondamentali. Che l’insorgenza sia graduale o improvvisa, la sordità ha effetti sia sulle relazioni familiari e sociali, sia sul lavoro e nello svolgimento delle semplici attività quotidiane, limitando la comunicazione e lo spazio di condivisione. La riduzione dei contatti e degli stimoli cognitivi ed emotivi può determinare un impoverimento della qualità della vita o addirittura l’insorgenza di patologie psicologiche correlate, che spaziano trasversalmente dalla sintomatologia depressiva a quella ansiosa. Oltre all’installazione di un impianto o di una protesi uditiva è fondamentale una valutazione delle patologie associate ed una adeguata assistenza psicologica. L’azienda Fonia fornisce un servizio di assistenza psicologica, attraverso la consulenza di uno specialista psicologo, a tutti i clienti che avvertono il bisogno di un sostegno nel difficile processo di accettazione e adattamento all’ipoacusia. È possibile effettuare colloqui psicologici per apprendere una migliore gestione emotiva della sordità e per attivare forme di risposta più adeguate alla nuova condizione sensoriale determinata dall’utilizzo dell’apparecchio acustico.